LIMBRANAUTA

Il Funerale della Letteratura!

Mese: aprile, 2014

Cose vive

Sei circondato da cose vive.
La sedia su cui siedi ti guarda,
parla con il tavolo su cui appoggi i piedi.
Ehi, dice il tavolo, lo vedi l’idiota?
Lo vedo, lo vedo, dice la sedia.
Il rispetto è finito, è morto d’inedia,
dice la sedia.
Solo perché sono di legno, dice il tavolo,
solo perché, le mie quattro zampe
non riescono a prenderlo a calci sui denti…
Stai calmo, stai calmo, dice la sedia.
Appoggio il bicchiere sul tavolo, stanco.
Anche questo! esclama il tavolo.
Le scarpe, il bicchiere, cos’altro… e che diavolo!
Resisti, resisti, dice la sedia.
Durano poco, gli esseri umani.
Non sono di legno, non sono di vetro.
Sono sgarbati, strani, delicati.
Non durano niente, svaniscono svelti,
lasciali fare, i maleducati.

Annunci

Immobiliare

Come vedete il soggiorno al piano terra è a loft con angolo cottura
e sgabelli luminoso con affaccio su luminosa
corte interna, vista corde biancheria, per questa ripida
ma comoda scala si accede al secondo livello del blocchetto
terracielo, sono 15 gradini pendenza media 90% si può fare anche a mani nude,
di sopra ci sono due stanze singole con una terza ricavabile a incastro
nel sottoscala, doppi servizi dotati di tazza e basta, termo utonomo,
con caldaia in stanza da letto e tubo tutto fuori norma;
il terzo piano non abitabile contiene la matrimoniale sottotetto
altezza media m 1cinquanta, massima 1ottanta, senza finestre
possibilità altana accesso da canna fumaria.Trattative riservate.

astrognomia

Ricreato in Inghilterra il brodo primordiale.

Avranno dunque usato un dado cosmico?

porcodiavolo

Porco diavolo ho la testa in uno Stavolo e boia Giuda pure in bermuda,

cospettone mi son rotto un coglione,

(dog) qualche dio etrusco sembri un fiasco di lambrusco ma per Orione i Santori tirami fuori prima che muori

Vita di Angelo Branduardi

La sua passione per la musica minimale (è stato il primo a tenere un concerto per grattugia e tappo di sughero) lo ha portato a conoscere culture oxigenate (i pallumbaddium, Kenia, con la loro musica scricchiolante). A trent’anni ha capito che aveva sbagliato tutto: si fa la riga in parte e la tiene a posto con il kerosene. Perché somiglio così tanto alla Sgrena? Ha chiesto al suo pubblico durante l’ultimo concerto e i suoi fans gli hanno tirato un sacco di scarpe e di panini al tofu. Magica esperienza, i suoi concerti: suoni allacciatevi le cinture che c’è turbolenza, suoni che vengono da altri lavandini, da altre pallette di marzapane. Una vita passata nella musica, una passata di qua e una di là con lo straccio umido, camice senza colletto e mutande al ginocchio, alla faccia della moda e della corrente.

non in tutti i casi

la perdita degli occhi provoca un’agitazione
che porta rapidamente a incidenti gravi
la perdita degli occhi e delle orecchie
genera un’inerzia prolungata
la perdita degli occhi delle orecchie e del tatto
porta a una santità repentina, a una emissione
di luce infrarossa nelle ore meridiane
a delle piccole ma dolorose stimmate
alla diminuzione parziale delle capacità
di ferire, ma non in tutti i casi.

occhi di speppia

Di è un genio Montasio

 

Di latte le ginocchia

di sale la zucca scoppia.

Valgo un alluce mentre vago in tralice

con la testa in una greppia triste solo con gli occhi speppia.

MANIFESTO IMBRANAUTA #UNO DEI

art. 1 – non è giusto che tutti hanno il programmino
e noi no

art. 2 – il programma risulterà inevitabilmente :
a: pretenzioso
b: falso
c: incompleto
d: fasullo
e: e anche tutto il resto
art. 4 – l’art. 3 non mi piaceva
art. 5 – dato che sembra ormai accettato che tutto è politica
si può dire col vecchio adagio “tutto è niente”.
Politica: parolona o parolina fraintesa e mistificata,
abusata e corrotta, distorta e incompresa,
inutile e comoda.
art. 6 – ai sensi dell’art. 5 l’imbranauta, chiunque questo significhi,
rifugge la politica come oggi è intesa;
l’esercizio della facoltà mentale, qualunque cosa produca,
è l’interesse unico dell’Imbranatuta.
questo è l’unico impegno assunto,
assieme alla volontà di esaltare il comico e
l’assurdo, di pensare l’impensato.
art. 7 – Nessuna “soluzione politica” quindi, dal momento
che nessuno sa bene cosa significhi né cosa aspettarsi
da chi pronuncia queste parole; nessuna soluzione e basta.
art. 8 – USARE LA MENTE: niente politica, ma pensiero e logica,
meglio una logica assurda che una politica coerente.
Più persone useranno la testa meno bisogno ci sarà di politica.
art. 9 – Il funerale della letteratura si celebra così
in onore dei cervelli anonimi in tutto il mondo,
alla faccia degli artisti di tutti i campi.
Artista e politico, che penoso narcisismo.
art. 10 – Affanculo i furbi e i chiacchieroni.

 

11/09/2004

nuovi comandamenti

urta il prossimo tuo
come se non esistesse
non guardare gli assetati
perchè non hanno alcuna utilità
parla di cose elevate in società
e rimpiangi il centesimo sprecato,
rinfacciandolo alla tua sposa
tra le mura domestiche.
la saggezza che ti viene
dalla considerazione delle futilità umane
riservala ai tuoi orrori notturni
dedicando il giorno all’aumento del tuo benessere
ignorando il dolore che è del mondo
calpestando il prossimo tuo
come calpesti te stesso.

piccolo incidente

mi si è incastrato un deus ex machina