LIMBRANAUTA

Il Funerale della Letteratura!

Mese: agosto, 2017

Limbranauta : vita morte e miracoli di Filtribertus Tribolini

Data e luogo di nascita incerti, all’anagrafe fanno finta di pomi, declinano , inclinano, non sanno, dormono senza pigliare pesci, scappano in preda al parroco.
Si dice che non volesse nascere così, in un luogo qualunque come uno qualunque, scelse quindi, avvertito l’odore di cialciccia e torbolino, di fare il botto alla Festa dell’Umidità di S. Giacomo dall”Oppio del 69, saltando fuori come un tappo del sciardonnè, urlando “vuaallaaa, io io faccio tuto io Dami qua!” e si spina 2 birre.
Fin dall’infanzia capisse che è u genio ma non sa di cosa, allora frequenta un corso di dinamica dei fluidi in bar dal “Vacca” a Marghera, dove scopre il peso atomico del select nel principio dei vasi sanguigni comunicanti.
Fiori all’occhiello del suo CV sono il fermo per guida in stato di ubriachezza molesta (guidava urlando oscenità ai pedoni) e la medaglia d’oro di pisolo individuale da fermo. Decide quindi che è mago del cine e frequenta il Pam a Bologna travestito da gramsci pori, dove impara paroloni come ermeneutica o teppistemologia che non capisce ma usa con sicumera per imbarcare cucchi.
Nel contempo fonda l’enorme rotativa impetolauta, “Limbranauta”, assieme ad alcuni suoi compagni di vettura, tra i quali Dario il Camionario, DVD, Piego Sbadillia, Stephen fon Birben e Alvaar Alticcio.
Grande è la sua passione per la donne anche se non sa come si usa..
Ora è ministro dei parcheggi abusivi di navi cargo al porto di Tiranal.

Annunci

Limbranauta interviste venete

Alla sagra del Clinton. :”Aariaaa, par ariaaa , (sul palco i Gnù Trolls feat Marcella era bella) ho bevuto un pò da fare io mi sento così maleeeaariaaa sò par ariaaa……” limb: “cass questi li voglio a casa mia! Ma badiamo al sodo, là, quello che sembra uno sbregosauro, quello con la faccia bitterata, scusa lei..” sbreg: “uh?” limb: “u anche a lei, cosa fa qui, beve?” sbre: “no son drio spander el pissarott (antiparassitario ), areo me cioltu pal cul? Situ deinquente? Situ astemio dio nato?” limb: “no no anzi, mi sbusi chiedo pardon!” Sbre: “ma si,va in mona deinquente, astemio!” “Unalacrimasulviiinoo..” : I gnù trolley feat Bobby Sordo. limb: “proviamo con quello che sembra Ataualpa scolpito dagli alieni, scusi atau. ..hemm lei..Anche lei qui per il clinto?” Atau : “no, i”m here to spread the pissarott, Hey man are you take me from the ass? Are you deinquente? Are you astemio god Born?” Limb : “haamm..grph….no no mi scusmi….” atau: “but yes , go in the pussy motherfuker deinquente astemio.” “Fiumi di Barolo, fiumi di Barolo tra noiiii”: i Gnù Tronk feat i Jalisse ( gruppo aperolitico estinto ). Limb (beve 7 Boccioni di clinto per armonizzarsi meglio): “shhhhhh Ara queo sshhhiii el par el Birone Rampante uooo el xe Stritolivio hiijjhh ou ti..hhsshii ou , te piase el clinto ah?… strito: “beh in effetti l’abboccato agro-fruttato e il modesto sviluppo del grado zuccherino lo rendono estremamente facile al palato…” limb: “sshhhcasso c’entra l’avvocato ouuu ti gà fumà bisolfito hhhijji mimorti ti par un Incidente , un ecomostro mimorti. Str: “veramente sono sommelier diplomato magnum Cum laude” Limb: “casso dici fuoshhh deinquente astemio di putana, assa star a gente che ha poblemi fhhsss. “Tuuuu, tu che seii diveeltooo”. (i Niù Tronk feat Mia Martini Dry.)

Limbranauta. Vita di Diego Sbadillia

Nasce molto rilassato, la sala parto è avvolta da un torpore innaturale, il medico si muove al rallentatore -“e cccheetrraaanquuiiilloosstoobaaammbiinooo”- Piego non vagisce, sbadillia in mi minore. Gli opposti si attraggono si sa, quindi diventa amichetto di Stephen fon Birben (personalità a 4 zampe ) col quale studia gli amari. Contemporaneamente al master in gin tonic, frequenta il cons. Maledetto Marcello di Ve dove studia violino a canne. Piego Butillia si trasferisce quindi in Olanda Zelanda per approfondire lo studio sia del violino che delle canne. Dopo 7 anni di studio matto e disperatissimo (sempre con lo stesso cappotto) si diploma in Bols e shottini sotto la guida del mo. Assenzio Birrutis e torna finalmente nella sua Disneyland lagunare; già sul ponte della libertà sente odore di Bitter. Casa!! Si specializza nel repertorio del Baracco Veneziano, con pezzo di Vivaldi, La quattro stagioni. Attualmente sverna da Sotheby’s, dove ama lasciare i suoi occhiali da sole.

Limbranauta interviste venete

Parla la sagra della Luganega.

L.: “ciao ragazze , secondo voi qual è il valore sociale della soppressa nel mondo?” r: “cioeeee la soppressa è, èeee cioè si ma anche la cialciccia peroo. Cioè, è come un fratello, dove c’è cialciccia c’è casa insoma.” Limb: “certo, chiarissimo, conciso ed esaustivo.” Si avvicina uno tutto trapelato (calvo ansimante )che sembra una caldaia rotta : “areo de chi situ ti?” – fa alllimb. limb: “situ?chi?” caldaia: “i taia uno?” limb:”chi tagliano, dove? cosa succede?” Cald: “ma no – dio largo – el canae i tallia uno, canae gingue! (bestemmione)” limb: “sì ecco, la soppressa si diceva..” cald: “la è na reigione dio (….), un ghe nasse indrento – io largo – ea porsea la è come a Madona par nuiantri!” limb: “hemmm magari questa la tagliamo, comunque grazie eh” cald: “grassie ti vecio “(sparisce spandendo nafta). Concluderanno la serata le gare di colesterolo a squadre, lancio dea porzea e di tiro dei porchi. Ricchi premi e buttillon!! Venghino!!

Scion Uilliam “Budda” Vianeo

La madre nega, dice non so, mi son distratta un attimo ed ero già di 6 mesi, forse dormivo. Il padre invece pure, “Boh ero svenuto”. Da piccolo Scion sembra un insaccato, un piccolo budda ,un budino insomma, da cui il soprannome. Vive allo stato bradipo coi suoi amichi Giecson, Pollok e Porter. La mamma temendo le brutte compagnie lo mette in guardia, “mi braccobaldo, con tutti ma mai col Giecson e gnanca col Porter, Pollok si parchè xe fio de Apellek ‘. Studia psicanalisi dei bovoletti ma durante una seduta ne mangia 7 lavandini pieni e va in coma. Al risveglio sente ancora le voci che gli dicono “ou buda ti xe ndà in tibe?” Allora ci va, si iscrive a un corso di Osho No Capisho Un Casho, dove impara a sudare birra. Tornato a casa diventa amico di tutti , gran pacche sulla spalle, e tutti che dice dai, dai budda, buddanabira! E lui budda. Limbranauta

Limbranauta. La vita di Stephen fon Birben

Il nostro eroe nasce quarantenne da famiglia di umili origini, da cui la sua naturale inclinazione al nazismo. Viene alla luce creando il panico: ” è un Chiuaua!” – dice il medico terrorizzato – “i bambini fanno ueeee no Bau Bau e neanche wof caiii caiii, chiamate l’esorcista!!” Crescendo, la sua simpatia gli procura subito molti amici, ai quali lui si affeziona molto e porta le ciabatte, tranne fili che morde sul naso. Appassionato di Venezia, sale sul campanile pagando il biglietto per i posti Vip sul cornicione. Un giorno parte militare, il giorno dopo torna. Decide quindi di tentare la sorte partendo per il Regno Unto, dove apre un locale e ne chiude un altro, apre un portone e chiude un finestrone. Alla fine sceglie di ritirarsi in campagna, dove lavora come Stuntman per tagliaerba da f1, e presto diventa, grazie alla sua cultura onanistica, Counselor del Birbshire, Contea dove puoi bere quello che vuoi, basta che sia Fanta. Coltiva l’hobby dei muretti a secco che demolisce al sabato dalle 4 alle 6 poi mette tutto a posto seguendo il libretto distruzioni. Abbaia anche quando dorme. È campione di fastidio indoor, risatine isteriche e ridi sotto i baffi.

Limbramoda interviste

Parla ( si fa per dire ) la stilista Riccuccia Prada. Limb : “Qual è la sua idea di moda di quest’anno?” riccu : “bah guavdi il must del trend è il pvosiutto, tanto pvosiutto, tutto pvosiutto dappevtutto, pvosiutto di pvada ovvio, tagliato fine per mantenere l’idea di tvaspavenza con accessovi di fagiano, tanto fagiano dipinto a mano, dal foulard alla borsa di puro fagiano con dentro il musetto.” Limb: “ah ok , ma vedo anche dei monili, e cos’è quella, una collana?” riccu: “povca puttana la cucchiaia del vagù, aambescilleee aridamm’a cucchiaia Der fagjanoo!!” E sparisce. Lo stilista afro-sardo Mubutu Puddu si autointervista: “Io tanta Africa, tanto Oristano, minimal post la donne è il centro (entrano le modelle vestite da go kart), Il centro è donne il donne fa centro con underwear di carne e ciabatte di pioppo.” Esce tirandosi dietro un pareo di ortica di otto metri che quando se lo cava sembra un rotolo di pluriball, ciabattando sulle scarpone con zeppa da pulizia di altoforno. Ma ecco Rocco Dirocco, il maestro del cornicione di pizzo! L: ” Maestro Baracca, come si è evoluto il suo cavallo di bottiglia, il pergolato di lamè?” R.D.: La gente vuole osare, quest’anno aggetti al limite della statica vestibolare, manicotti e collettori sovradimensionati con intelaiatura in titanio, trucco leggero ma sfrontato e tanto, tanto tattoo con richiami alla visual art anni 70!” L:” questo significa pop art corporea?” R.D. : “certo, e anche altre cose che non conosco “

Clinto Est Wud’s Mission in Venice

Clinto Estwud voleva venire a Venessia a bere ombre, intoccato com’è, ma sua molie gli fa basta co sti prosecchi, lo sa perfino Birba che razza di petardi di prendi, guarda, sembri scolpito dagli intagliatori del legno della Valtellina, e sei blé!!
Ma lui imperterrito ha escogitato che fa un film co le scene a Vinessia, tutte girate in bar, per la precisione al Raudo, dove servono spriz lisci (solo bitter) col bitter ancora in bottiglia. Est ha un codaccio di fan da una parte, dall’altra un altro codaccio di amici che ha conosciuto in bar. Così ha deciso di cambiare un po’ la trama del film, che adesso sarà una biografia di Davide Campari, con Est che fa la parte sia di Davide che di Campari.

Vita di Gardo Galang (personaccio non inventato ).

Età insindacabile, all’anagrafe rifiutano di rispondere, alcuni scappano terrorizzati. Lavoro: uno nessuno centomila. Hobbit, quello di perdere il lavoro. Dopo un’infanzia bucolica ai piedi del vulcano Pinatubo, all’età di 7 anni comincia a perdere il primo lavoro di sculazzavacche nell’azienda paterna. Allora affitta un albero nell’adiacente foresta e vive come tarzanello (turd blossom King of the Forest gump) attaccato alle liane. Bocciato 8 volte in 1 si licenzia. Trova lavoro a Manila come scopettino per l’arancione dei cessi,(lui dice che prepara le piste da sci per gli stronzi perché si vergogna) ma vuole un salto di qualità e si licenzia. I sogni alle volte si avverano e viene preso a bordo della Costa un occhio dove stura i lavandini con la gola. Cambia 18 compagnie in 7 anni, un po’ per l’hobby un po’ per il carattere rissoso: una volta ha dato fuoco a un cuoco, un’altra ha picchiato un collega filippino con un altro filippino. Pur di perdere il lavoro una volta si è buttato giù dalla nave dalle parti di Oslo, è rimasto 3 mesi impiantato con la testa su un iceberg.
È così che arriva finalmente a Venezia, saltando giù dalla nave co 8 paia di mutande 4 pantaloni e 16 t shirt tutte addosso, che sembra un canotto.
Grazie al suo passato di globetrotter (giramongolo), parla 5 lingue ma tutte insieme, bene neanche la sua, una sorta di esperanto perdido, prevalentemente inglippino.
Dopo aver perso un altro paio di lavori accampando scuse incredibili tipo “lavare i piatti è contro la mia religione” viene assunto come badante dal famoso tenore a rotelle Menegario Urletti, grazie al quale stabilisce il suo record di due licenziamenti da una persona sola. Attualmente è campione mondiale di selfie nei cessi.

Peppe Brillo propone il voto i minorenni

Alla materna Diaz è polemica, “io voto Peppe Pig” dice Annabella 8 anni, Giulio, 7, dice “no io mMegaloman come mio papà”. Demis (9) “io mio papà”, Telby (7) ‘no,ti tiro addosso mia sorella!”
In aula i Birilĺini votano compattati “lha gultura non a eta’” e si scambiano le merendine.
Villiam 16, clonato il bancomat della madre, dichiara: “io tengo per rensi che poi coi 80 euri mi crompo il ghei boi”. Braian, che è più avanti coi lavori, vende il suo voto a partire da una merendina, chi offre di più?
Kevin tiene Inter.