LIMBRANAUTA

Il Funerale della Letteratura!

Mese: settembre, 2014

guarda che le vedo

guarda che le vedo
le righe delle lacrime
sono bava di lumaca

le vedo gocce di pioggia
sul parabrezza
il vento le spinge senza fretta

si uniscono una all’altra
sono dolori che uno
l’altro scalza

Annunci

Miglioni & Cavalli

Quel manovale del mainstream, tale Enrico Tantucci della Nuova Venezia, gigioneggia sui dollari spesi da Georgeclunì col suo matrimonio in Venezia. Paracula sto miglione e mezzo coi tre raccattati dalla biennalevisualart, che bontà sua chissà come li ha calcolati. Un Tantuccio, giusto per avvertirlo che il suddetto paragone lo devi fare invece cogli storditi del uichèn fuoriporta. Chè li devi vendere a peso per le bilance delle patrie calli per calcolare quanti ne vogliono per avvicinare almeno il miglione. Equamente distribuito tra alberghi, barman, ristoratori, giardinieri, antiquari, artigiani. E sì; pure tassisti. Con le loro onde che scandalizzano i Veneziani. Quelli che girano col volvopenta coperto dalla maglietta per non mostrare di che cavalli son fatti.

la tua macchina

le sputi sopra e poi ci salti sopra
la prendi in giro perché ti tradisce
ti vergogni di lei e lei ti trascura
la vedi attraverso gli specchi
distorti del labirinto delle giostre
le dai troppo da bere tutte
cose sbagliate le fai mangiare
porcate ma è lei che ti fa piangere
è lei che ti fa ridere
la tua macchina per vivere

Limbranauta intervista Matteo Renzi.

Limbranauta: Cosa intende per poteri forti?
Renzi: Pippo Baudo.
L.: Le piace stare in mezzo a gente importante?
R.: Come a tutte le mezze calzette. Lo sa che George Cloonky è stato rovinato dalla grandinata di mercoledì? Percolava.
L.: Diego Delle Palle parla male di lei…
R.: Da quando ha finito i tacchetti per le Frod’s non è più lui.
L.: Esprima un desiderio, Signor Renzi!
R.: Avere una lingua come la Pimpa, ma per farmi il nasino marròn come dicheno gli inglesi.
L.: Grazie del suo tempo, Signor Renzi, a presto!!!

tavolo per due: dove e cosa mangiare #4

Ristorante Italo-cinese La grande murena, Venezia, Campo St. Margherita

Ho Wu Scarpabolla e sua moglie Deborah propongono:

1. Tofu al ragù
2. Pennette caramellate
3. Torta della nonna con dentro le previsioni del tempo

Con contorno di musica: “Oh sole mio” nell’interpretazione di Ho Wang Scarpabolla e il suo pianoforte di bambù. Il pizzaiolo Hamita Hong vi sorprenderà facendo ruotare quindici pizze sui bastoncini mentre lui saltella al ritmo del gong di sei metri. Alla fine brindisi con grappa al predappio friulo-cantonese.

ultima vittoria

un cumulo a tremila metri
nel silenzio
nella morte della parola
nell’assenza degli
ingombranti e personanti
cervelli che della bocca
fanno trombetta
vede per ultimo il sole
profilo di gigante
che quasi respira
quasi si addormenta

nel rispetto della tera

sto vino lo facciamo nel rispetto della tera, ce mettamo in genocco e lo curiamo chicco a chicco, come che fusse li nostri filgio. Repeto che non se metono sgretolameci, niente chemmica, nete acsoto liquedo ne asparamenti de tucchetti, tuto natura e tuto co li cresmi del la SOCHEITA’ PAR E VINO IMPODUTTIILE giustificta dalla banca e bontà d’anemo co l’apposggio della legione etulia. Si lo bevete pima ch deventi acedo sulfurico ve piace!!!! awmo VUTO la pplause de nicoletto demo, cretico de MANIPOMO COTESHIAMO, giornale de accualitò del regiono tonomo fdel…

Parla Ettore Barella, campione mondiale di Sommellier

“Una donna mi ha chiesto di essere shakerata e io l’ho buttata dentro a una betoniera: noi Sommellier siamo abituati alle domande più strane. E ho servito il vino più costoso della mia vita: ho assaggiato tutto il bottiglione da da un milione di euro: ha pagato il cliente, ovvio. Ho servito gente famosa: Winston Churchill (omonimo, faceva il bagnino), Gigi Proiettile. Io azzardo: ho creato un abbinamento davvero rischioso incartando un branzino nelle foglie di tabacco e poi buttandolo fuori dalla finestra. I tre vini più buoni al mondo sono: Parto Pilotato In Zenzero d’Abruzzo, Tegole Fruttate della Chimica Abusiva di Lecce, Peetrus Boenkamp con dentro una porchetta DOC.”

ghiaia

Uccelli e libellule
hanno le ore contate.
Chi si trascina permane.

Noi, i calpestatori di ghiaia,
i consumatori di tacchi,
congratuliamoci con le talpe.

la casa come si deve

Andrè Bisazza, art seller

Come vedete ho invecchiato artificialmente il palazzotto: ho buttato giù qualche muro con la palla di ferro. In salotto, drapeau noir e juke-box a cassa da morto. Poche decorazioni e quadri, qualche secchio per terra dove inciampare. Cucina Biedermeier profilata meccano con tralci di gomma che arredano sul serio. Bagno con manichetta a pressione e foto di carotaggi. Libreria piena di libri inutili o falsi. Questa qui che è uguale alla Kahlo è mia moglie, per fare arte anche a letto. Sulle scale, sapone.