LIMBRANAUTA

Il Funerale della Letteratura!

Limbranauta : Trans Cargo Boat.

Sulla Costa Minkia è la solita orrida ridda, da una parte i trans oceanici, dall’altra quelli atlantici volteggiano come dervisci tarantolati.
Il capitano Ugona Trapaniello organizza i dildo party sotto coperta che una volta dicono che sono saltati tutti i rivetti della fiancata sx dalle vibrazioni sadomaso. Il crocierista medio è quello che a casa si fa picchiare dai figli quando vanno male a scuola, per poi scatenarsi vestito da deltaplano una volta a bordo. I più lo infilerebbero anche nel buco dell’ozono.
Si organizzano gare di tiro col naso, premio Agnelli con striscioni da poppa a prua, vince sempre Laptop Elkan, ho sentito.
Insomma una manica di impiastricciati, una congerie distopica di personalità in crisi identitaria, identità in crisi personalizzata, un mio amico mi ha raccontato infatti che una volta durante l’ora di zumba apoplettica l’animatore ha detto “uomini a destra, donne a sinistra” ed è nato il caos infernale, nessuno sapeva dove andare, tutti impazziti che correvano tutti a destra oohoo, e tutti a sinistra alè alè, alcuni sono finiti fuori bordo, sono diventati dei Kevin Rude trimmati, insomma alla fine dal rollio si è rovesciata la nave. Tappa finale il Mar dei Sarcassi,e stavolta ci vado anca io, corbezzoli!

Annunci

Limbranauta. Vita di Ping Pong Hun

Al quarto mese di gravidanza l’esame ecografico rivela la presenza di un cacciatorino, i medici esultano di soppiatto e la madre anche. La mal celata serenità lascia il posto alla più cupa mestizia all’insorgere delle prime appendici. L’immane travaglio porta alla luce un porchettone da 8kg che sembra un incubo di teomondo scrofalo, i medici vogliono caramellarlo ma lui agita i cotechini urlando “ueeilmondoemioueee’- Anzi “oinkilmondoemmiooooinkoink” ed è già dittatura nell’aria.
A 5 anni cominciano i primi tentativi di sbarazzarsi del padre (Ping Pong Pang), prima prova col classico avvelenamento del cibo ma uccide 7 assaggiatori di cibo, poi prova coi sali da bagno all’acido ma uccide l’assaggiatore di sali da bagno.
Sterminata mezza famiglia a 15 anni diventa re degli insaccati, dittatore della piorrea del nord.
Noto a tutt’oggi per la sua politica liberal-democratica dedita al rispetto dei delitti umani, gode dell’assenso forzato del Popolo che lo idolatra a calci in culo.
La protervia suina unitamente all’abuso di amari, lo portano ad essere considerato il pericolo pubico n1, una volta ha minacciato di bombardare i marziani con la bomba lardellata, ha detto “a morte marte vi coppa tuty il mondho è muyo pakko cuo “- o così sembra – battendosi i cotechini sul petto.
Un giorno il plutarca tumido dai solfìti si sveglia rorido di percolato e più insaccato che mai che sembra lo zeppelin pronto al botto, decide allora di appendersi ad un trave a testa in giù come una soppressa in meditazione yocca.
É così che partorisce le famose tre leggi:
1^ legge: perché io sono io.
2^ l. : Minaccia il prossimo tuo come te, steso.
3^ : non nominare il nome mi mio min nivano.
Quest’ultima è ancora allo studio di un team di esegeti che cerca di carpirne il senso.

Gli annunci

– Vendo tosaerba Maclaren f1 prima guerra mondiale appartenuto al conte Fon Birben a prezzo impossibile o permuto con ago del pagliaio.
– Vendo ricetta originale dei risi e bisis per lo jhadismo intestinale con bugiardino esplosivo ottimo nella guerriglia alla trippa urbana. Astenersi perditempio.
– Vendo disco lombare a 45 gradi etichetta indipendente dei Vecchi e Poveri prima maniera con la moretta prima del cambio di sesso, sassofonista di Pieno Da Niele prima di diventare Afro e Toto Cutugno prima di convertirsi al cristianesimo.
– Vendo bicicletta per la su e zò per i ponti cambio scimmiano, dildo sella 4 tempi velocità variabile a seconda dell’indice di gradimento. Buona anche per le ragazze. No ragazze , ragadi ho detto.
– Permuto kit da esorcista con Bibbia in ciliegio per demoni permalosi e aspersorio con l’acquavite santa di Padre Braulio in cambio di un taser episcopale per stesso utilizzo.
– A.a.a.cercasi cassa di Oban importato a dorso di mulo direttamente dalle higlands scozzesi per rifornimento scaffali Prix.
– Vendo set completo di calzettoni da oktober fest vietati dalla convenzione di ginestra, reggiseno di Hitler con girelle per i capezzoli, fegato ingrossato del barone Dei Rossi Birrutis e Infradito di Padre Pie.
– Affitto macchinario catastrofico per lifting estremo che ti spara gli zigomi sulla nucache non ci vedi più ma sei levigato come il marmo.
Lasciate i vostri annunci sul nostro blop limbranauta WordPress .com

Limbranauta. Il ministro dell’istruzione pubblica.

Ecco adeso che io è menestro delistrusione pubica prima roba ci sparo sui apostrofi che mi da fastidio , poi spacco anca i punti e virgoe e ucido i acenti che Fano muffa. La gulturra va un tanto al litro e te la fai su uischipedia. Seconda roba chi dice semiotica o ermeneutica o robe così va in galera subito. Terso chiudere i teatri (tanto non si capisse un casso di quelo che dicheno) e mettere tante sale bingo. Anche i musei basta, basta musei che fa polvere e fastidio, se vuoi di sapere di Machielangelo? O Vaffaelo Sazio c’è lo chiedi a gurgle, che tanto é tutti che guarda le robe atraverso ai gellulari che non sanno nianca indove che erano finché non arriveno casa e controla sulle foto.
Invece dei musei ci mettiamo tanti sgabiotti per i selfie con i cartonati.
Basta perdare tempo a girare a vuoto nelle sale, il museo ci mettiamo solo il shop e il caffetteria, dove che si compra il poster della Gioconda bevendo un bel amaro.
Via i conservatori dalle balle, ti scarichi la app di ghitara aletrica e deventi subeto il satana del plettro deventi Gimi Netflix opure ti deplomi in flauto dio pan.
Il ministerco distruzione metterà al bando autori come: Oriana Fallacci, Aldo Palazzettiabusivi, Italo Svelto, Lord Biro, Franco e Ciccio, Umberto Ecco altri che non hano mai usatto la parola attimino neanche a livello di attimino.

Limbranauta : il Festivalbaratro.

Presentano Teo Mimocari e Ilari Tasi. Guést star Michi Rurgo.
752ma edizione, le canzoni più ascoltate cadendo dalle scale alla ribalta! Ilari è bellissima! Teo ha la ghigna bloccata dal tetano! Miki sembra un riempimento dei pacchi di Amazon! Ilari è bellissima!! Già detto? Scusate allora si diceva, Ilari è bellissima!! Le canzoni sono stasera di Rutto Cotogne, Pizza Pavone, Elisa, Elusa, Noemia, Mietta, Simietta e Elio è Lesto Ha Ripresa.
Primo ospite Patti Pravda, sfoggia una tensostruttura in pvc di Rocco Firocco che la tiene in piedi, ormai è pericolante, sembra un dirupo, però canta, si, qualcosa come stesse masticando bulloni, in chiave inglese. Standing ovetto del pubblico e la portano via col carro attrezzi.
L’intervento degli Zero Assoluto (nome vero , cassi sui, io non c’entro, sono innocentro ) è zero assoluto, fanno mezza corda vocale in due, non li capti neanche col parabolone di Arecibo. Sussurrano il loro cavallo di mitraglia “hhhhhhhhhhhhhhhhh, hhhhsssss” a ottave parallele.
Onirica la presenza sul palco del grande tenore sordomona Alceo Vocelli, quello che canta quando non tocca a lui.
Ma ecco arriva il duetto tra l’inossidabile Infausto Leali (quello che ha mangiato un tosaerba da piccolo ) e Nanna Nannini (lei solo un decespugliatore )! È roba da officina! la vocalità adamiantina (puro amianto )di lui e quella in kevlar di lei creano un effetto mietitrebbia che disturba i satelliti.
Il pubblico rumoreggia infastidito perché ha perso il segnale.
Il siparietto comico degli inesauribili Teo testicoli e Gioele Prix diverte tutti con l’intervista al bolliwoodiano Miky Rurgo che ormai sembra un canederlo di mucca pazza: Teo fa domande idiote, Michi risponde sputazzando in alfabeto morse (sput–.–..sspput ..–), tutti che ride mentre lo portano via con la flebo di botulino/cotechino attaccata.
Collegamento esterno con diretta dal nosocomio criminale di Cazzago dove i Ringhiera si fumano un cane antidroga eseguendo un Medley delle loro canzoni per grandi ustionati dall’Aperol.
Arrivano gli ospiti stranieri! Ecco sul palco ospiti d’eccezione Hemingwaynhouse (in arte Superciuk) e il rapper altoatesino Emenem’s che cantano su testi di Silvio Pelvico e Giosuè Cantucci.
Pubblico in delirio, i più telefonano alla mamma rassicurandola sulla loro salute, Ilari è bellissima!, l’applauso assordante è tutto registrato, Ilari è…ah no già detto, Teo è… Teo… Mimocarurke… Entra uno spazzaneve a togliere tutta quella roba inutile dal palco.

Di ruote e di criceti

Riprende la scuola, in classe ci sono alcuni nuovi compagni che arrivano dalle terze dello scorso anno. Uno di loro, Harrypotter Scarpa, è la terza volta che lo bocciano. Andava dallo psicologo della scuola ogni due settimane, ci hanno detto. Era il giorno che veniva a scuola. Dicono anche che abita da solo perché è maggiorenne. Abbiamo anche dei nuovi professori. Cinque, perché nessuno era di ruolo. Non mi pare ci siano più quelli di ruolo, sono in via di estinzione. I miei sono andati a chiedere alla preside chi ci toccava, ma la preside è già in Scozia, ci hanno detto di sopra, perché era esaurita. Aveva tre istituti, dalle elementari alle superiori, urlava con tutti anche sulle scale. Avevamo paura che si buttasse dalla finestra.
Questo è l’ultimo anno di pacchia, lo sappiamo, poi ci toccherà fare sul serio, come dicono i vecchi. Sul serio. I vecchi si vede che gli pare di fare sul serio.

Limbraopera : la Madammela Splatterfly

Le persone che sigano:
mdm. Bitterflai : Ocio San, escort imperiale in erba, soprano.
Diletta Fally. Pincherton, Marina in che stati uniti, terone Flaccido Dormindo.
Suzuki serva di Ocio San, mezzosoprano bicilindrico.
Shameless consolle Barilottono, Sudo ma Goro, terrore, il Principe Saikebon , altri.
Musica di Scagiomo Puzzini, libretto di Giec e Illice.
Alla prima il parterre di celebrità è impressionante, sul palco reale il sindico Prugnato in tenuta anti sommossa, alla sua destra Marina Trippa di Moana sfoggia un tailleur di capocollo, il marcescibile Pippo Raudo accompagna Ornella Venoni che accompagna Finimondo Vianello e Renato zerozerosette, entrambi riesumati assieme a Michael Jackpot.
Riassunto della vicenda: Giappone, Nagasaki, Pincierton sbarca e si annoia di tutto, allora pensa che è giusto che lui è pedoforo e ci ha i suoi diritti. Quindi sposa così per sport la geisha quindicenne con un occhio solo Ocio San.
Però si annoia ancora, quindi va alla cassa e protesta per la data di scadenza dicendo che sta andando a male e la abbandona incinta perché è un suo diritto.
Tutti ci dicono stuppeda e anche njorante, dai che c’è il Saikebon (principe liofilizzato ) pronto, dai che è caldo, ma lei no, dice che preferisce il Pincerton freddo, convinta che prima o poi torna, sto bouissomorti.
È lui torna si, il cancaro, ma con una budellona al fianco , dicendo che il figlio è roba sua , che era compreso nel prezzo perché lo ha fatto su coi punti del Billa e vuole un buono per la prossima volta, che lui ci ha I suoi diritti.
La tappina intuito il fallimento sporge reclamo inutilmente, lei è scaduta vai via le dicono sai da freschin via via! allora lei pensa che non è giusto , che anca lei ci ha i suoi diritti e si sucii. . ..si suidi. ..no…si sudìcia! (ecco) col cortello del padre per mantenere la tradizione. Sennò che tragedia è?
L’orchestra sotto l’affilata direzione del mo. Kopo Katana resta viva per miracolo, Kopo vestito da antico samurai sparecchia l’orchestra come un berserker, in platea piovono mignoli e scalpi, il pubblico sì sveglia e applaude in tripudio!
Regia e costumi Minimal acromatico, acrobatico per via dei cappelli impossibili a forma di enterprise alcuni, altri di paiolo pieno di ragù caldo, altri montano paraboliche satellitari.
Il resto sono 65 Min di inchini e 72 di passetti brevi e veloci.
Potente la presenza del coro nei camerini dove tengono gare di musetto a squadre e soppressa 4×100 (vince chi ne infila una intera giù per la gola vocalizzando) per poi scendere a concludere l’opera col famoso coro a bocca piena.
Ampi ed unanimi consensi di pubblico (sempre in infradito di sugna e canottiera per le grandi occasioni) e critica.
Pubblico: il 60% dichiara “ho fatto affarone su e bay” 20% chattava semisvenuto dalla puzza di piedi, gli altri sono convinti che era il muppet show.
Il critico Tramessinis tesse le lodi dei cantanti e dello spettacolo tutto senza mai essersi mosso da casa.

Limbranauta etologia : il volenottero ( Voleno Judechensis della famiglia del ghiorghiosauro).

Rara specie di uonimale lagunare metà uomo metà lepidottero, si riproduce nei mesi con la q (aquosto-quebbraio), dipende dalla narrativa circostante.
Prevalentemente notturno si vede anche di mattina ma solo se costretto a fucilate. Cambia livrea ogni 14 ore ma lo si può riconoscere dagli occhi iniettati di shampoo.
La sua metà umana lo porta presto allo studio della tromba, tutte le trombe, tantissime trombe, dall’ottone al cartone le sfuma tutte.
Giovane “studente” s’iscrive all’Osservatorio Maniacale Benevento Macello, dove riscuote ampi consensi e viene subito scovolato via assieme ai suoi compagni di mistura, ma non demorde, la tromba è la sua passione. Entra quindi nella band più cotta della città, i Pretura Fresca, che coniugano la tromba alla tronca: essi petura grazie a lui accrescono a desmesura il tasso di tritura. Raggiunge la fama anche grazie all’elio e le storie tenchiu, e finisce addirittura a San Selpio con una canzone visionaria che è entrata nella storia, Pappa Nera, una ricetta per i brownies con l’olio Santo. Trad. :””Pontefice di colore , dopo miss Italia possedere un pontefice di colore va oltre le mie aspettative”.
Altro cavallo di batallia “Murazzi”. Trad: “andiamo a festeggiare agli enormi macigni, distrutti come le macerie che nessuno ci desidera piuuuu”.
Dopo un corso di invecchiamento precoce in botti di uzo, apre un locale per gli amici di tutto, tanto per provare il gusto di stare dall’altra parte della trincea dei bianchi.

Limbranauta : vitae di Dvd

Ancora embrione, percepisce la fugacità della vita, la fugassetta della gita, non c’è tempo da perdere, “tempus fugit irreparabile e sei già vecchio come un mobile” (autocit. limb.), o anche meglio “teppus Fiuggi ecc.” pensa, e anche “cogito ergo nøm”, quindi sbriciolato il record di parto veloce farfuglia qualcosa in sanscrito e teorizza il principio di autodeterminazione del sé col select. L’ostetrica esce dalla sala parto convinta che la terra è piatta e gomita dal mal di testa.
Sin da piccolo mostra una notevole inclinazione per le lettere, predilige infatti la minestrina con l’alfabeto.
Al liceo sviluppa subito la una predilezione per la filosofia, ma una predilezione che non vi dico. È molto colpito soprattutto da coso, quello che diceva “in principio era il bitter”, Piattone di Ulloa mi pare.
Si tuffa quindi nel noumeno, scoprendo il zenzo del nozzenzo, cosa ai più oscura, e anche a lui.
È permaloso riguardo le sue teorie e tira schiaffe sulla testa agli amichi ma tante che questi poi diventano capo dei vigili.
Il suo grande contributo alla guttura gutteppuragna è il Limbranauta, rivista pubblicata in copie limitate (3), che segna la direzione letteraria della fine del secolo: direzione che porta alle Cantine dei Assassini (nome Omen) dove si colloca la redazione della rivista e dove diventa il guru dello sprizzone col cynar.
Studia anche scacchi in edicola, invece che lavorare, però quando perde sfassa la scacchiera sulla testa del malcapitato di fronte urlando “toh tasporof!”, Interiezione tradizionale uzbeka traducibile come “onore al vincitore ti ammiro e ammetto che è più forte ciononostante ti pacco cuo”.
Per un periodo impartisce ripetizioni a ripetizione alla velocità del suono (Kant fichte hehe in 17min) così alla seconda lezione finisce lo scibile umano e ti porta a bere.
Adesso è teocrate del Braulio al Sacco e Propano, è anche un poeta, un pò è, è una scarpa rotta ma sempre è. (Dvd cit)

Limbranauta : vita morte e miracoli di Filtribertus Tribolini

Data e luogo di nascita incerti, all’anagrafe fanno finta di pomi, declinano , inclinano, non sanno, dormono senza pigliare pesci, scappano in preda al parroco.
Si dice che non volesse nascere così, in un luogo qualunque come uno qualunque, scelse quindi, avvertito l’odore di cialciccia e torbolino, di fare il botto alla Festa dell’Umidità di S. Giacomo dall”Oppio del 69, saltando fuori come un tappo del sciardonnè, urlando “vuaallaaa, io io faccio tuto io Dami qua!” e si spina 2 birre.
Fin dall’infanzia capisse che è u genio ma non sa di cosa, allora frequenta un corso di dinamica dei fluidi in bar dal “Vacca” a Marghera, dove scopre il peso atomico del select nel principio dei vasi sanguigni comunicanti.
Fiori all’occhiello del suo CV sono il fermo per guida in stato di ubriachezza molesta (guidava urlando oscenità ai pedoni) e la medaglia d’oro di pisolo individuale da fermo. Decide quindi che è mago del cine e frequenta il Pam a Bologna travestito da gramsci pori, dove impara paroloni come ermeneutica o teppistemologia che non capisce ma usa con sicumera per imbarcare cucchi.
Nel contempo fonda l’enorme rotativa impetolauta, “Limbranauta”, assieme ad alcuni suoi compagni di vettura, tra i quali Dario il Camionario, DVD, Piego Sbadillia, Stephen fon Birben e Alvaar Alticcio.
Grande è la sua passione per la donne anche se non sa come si usa..
Ora è ministro dei parcheggi abusivi di navi cargo al porto di Tiranal.