Urla

di limbranauta

a volte restano
vuote urla graffiate sui muri
grida sconnesse di gente squarciata
reietti randagi guardiani del tempio
eroi sfasciati alla fine del tunnel
santi sconfitti con gli occhi spezzati
da aguzzi frantumi di verità
urlano limitrofi ai latrati della folla
caduta dal quinto piano
della povertà di spirito
e te ne accorgi sempre tardi,
troppo tardi,
quando la loro grandezza
fa male dentro e non serve più a niente

(D)

Annunci