Limbraproposte

di limbranauta

Considerata la futile impalpabilità della presenza ectoplasmatica delle forze del disordine pubblico buone solo per multare i bambini che giocano coi gessetti, ci sentiamo in dovere di proporre una drastica inversione normativa mediante la creazione di una serie di nuove licenze.
A – Licenza di taccheggio e borseggio continuato con premio produzione finale, grazie alla quale i vigili inurbati non verranno più disturbati durante i campionati di rubamazzetto a squadre mentre svernano in caffetteria .
Al borseggiato verrà rilasciata fattura non detraibile di sifonamento rettale direttamente dal direttore generale Tykukko Yltakko .
B – Licenza per scatolettisti e venditori abusivi: ai vigili verranno indicati percorsi alternativi per non turbare gli onesti lavoratori nell’esercizio delle loro mansioni.
C – Licenza a punti per spacciatori di razzetti luminosi e spoplaciop (quelli che splacchi per terra e poi tornano normali) utilissimi e rigorosamente tossici.
D – Licenza totale omnicomprensiva riservata a commercianti veneziani con occhi a mandorla che da diritto a emettere scontrini fuk simile autocombustibili, ricevute idrosolubili in carta da zucchero, a esporre ogni tipo di strafanto attaccandolo ovunque, a servire tonno esavalente in crosta di cesio e le glappa al tallio.
E – Le edicole potranno vendere tutto tranne i giornali. Insomma potranno fare tutto o quasi ma solo se wueneziani col prefisso Wu o Lao nel cognome. Le tasse saranno ovviamente a discrezione degli esercenti una tantum e ad libitum (anche se mi dicono che è già cosi).
Sono attualmente al vaglio altre licenze come : vendita al dettaglio di marroni cotti col napalm, richiesta di un euro dietro corresponsione di un caloroso ” ciao amico”, lettura di foglietti pieni di poblemi, assistenza casalinga alle vecchiette che hanno bisogno di donare la propria pensione a sconosciuti.
Le evanescenti forze del disordine pubico ringraziano.
(D&G)

Annunci