biografie incrociate

di limbranauta

Italo Calvino in terza elementare aveva come compagno di banco Eugenio Scalfari, futuro direttore di Repubblica. Nella stessa scuola, come bidella, lavorava anche Maria Curie, scopritrice del radio e, guardacaso, suo marito Pierre vendeva affettati nel negozio proprio all’angolo. Enrico Fermi e tutti i ragazzi di Via Panisperna giocavano a pallone a pochi metri di distanza, ed è stato proprio il rimbalzo del pallone a suggerire a quelle menti fuori dal comune la natura dei quark e delle particelle elementari. Sartre era vigile urbano del quartiere e Luigi Tenco affittava pedalò nella vicina spiaggia. Maria Teresa di Calcutta muoveva i primi passi come Santa guarendo le pustole e le fistole dei pistola che mangiano dai frati e Pavarotti arrostiva salsicciotti alla festa dell’Unità, a pochi passi. E’ stato un curioso caso storico, un unico, irripetibile, crogiolo di personalità.

Annunci