Aquaspak

di limbranauta

Aquaspak, il nuovo disco dei Boiasìo. Abbiamo ascoltato per voi il nuovo disco dei Boiasìo, gruppo che da sempre dà una grande importanza ai testi delle canzoni. Ecco le canzoni del nuovo CD esaminate una ad una.

Nelle ombre di un sogno: country-flash per rokkasbylli, sembra che il cantante urli qualcosa, forse il nome Cristina o Crostina ma tutto è confusionato dal fatto che la batteria ha un volume alto e più che altro si sente lo sbok-sbok-sbok del rullante.

Seguimi che vado a funghi: Ballad degna di Rino Macho, accurata ricerca del sound e mix di banjo e beethoven con un testo degno di nota, commovente, le parole però risultano confuse perché la chitarra distorta sembra intenzionata a ridurti le casse a brandelli.

Era meglio se venivi: Grande hit, futuro singolo degno dell’estate a pallefuori, calcolato per arrivare alla vetta della cazzifica. Cocco, il cantante balbuziente del gruppo, si pianta sulle sillabe che-che-che nella frase “senti che musica” e ne ricava un ritmo sincopato. Credo che i compagni lo sblocchino con un forte colpo sulla testa perché si sente distintamente uno sbum e poi lui riprende a cantare normalmente.

Portami in disco: grande rimake di un successo anni ottanta, tutto lucette e lebbra del sabato sera, capelli cotonati o alla mal parata toupè affittato e pantacollant. La nostalgia e una lavatrice in centrifuga ci impediscono di capire che cosa dice il cantante, anche se ci sembra di sentir parlare di uova col tonno, ma non ne siamo sicuri.

 

 

07/07/2005

Annunci