In esclusiva le parole della “Freccia del Nordest”

di limbranauta

Alfonso il gatto, che mangiucchiò
il porno, che si applicò il gesso,
che andò in coma, che si fece
tatuare un comò.

La torta di manomorte
che si allacciò il baffo
che si chiuse un dito
nel portone di casa Mirò.

Fischietto di rigatone
che incollò il tuppettone
sul cranio di argento
di maga magò.

Annunci