Televisione 1955

di limbranauta

“State a sentire. I fregnoni che s’attaccano tutte le sere alla televisione non sanno nemmeno che differenza passa tra Ernest Hemingway e un cetriolo. Cosa volete che gliene freghi degli scrittori importanti? Quello che vogliono, sono film nei quali un tizio prende a calci nello stomaco un altro tizio mentre una bona sta china su di loro a guardarli, col tettame che le esce fuori dalla vestaglia trasparente. Oppure comiche di ambiente casalingo..O programmi di quiz, …Perciò non venite a parlarmi di pubblicità all’inizio o alla fine, amico. In mezzo ai programmi dobbiamo schiaffarla! Quando i fessi sono incollati alla poltrona!”

 

Max Shulman, Missili in giardino, Garzanti, Milano, 1965, trad. it. di Carlo Rossi Fantonetti, pagg.62-64

Annunci