la dieta di P. nuotatore plurimedagliato

di limbranauta

De notte mentre dormo me fanno la flebo de citrato e pena me svejo me mangno ‘na pajata da du chili e me pilucco na forma de grana. Tutto questo mentre nuoto, se capisce, me magno li pesci che butteno in pescina, me magno un piede dell’alenatore, me magno puro le bandierine de li venticinque metri. Po’ esco dalle vasche e me magno le ciabatte de gomma, l’accapatojo de pelxigas. Devo rivà a dodicemila chilorie, pa li muoscole. Merendina alle dieci a base de gomma: suole vipram, pezi de linoleo… tutto quelo che fa massa, inzomma. Poi me ributto in pescina e nuoto dodeci ore, pure tredeci, và. Dommo in vasca de pagno, lì nuoto pure là. però in piccolo. Pilucco stecche de malboro (me le magno popio) e scatoloni de biscotti scaduti. Ecco perché ho li piedi numero 74, per via della dieta ipecaloreca.

Annunci