Parzifal intervista ©, uno degli autori di questo blog.

di limbranauta

Parzifal: E’ da un po’ che non scrive. Le è successo qualcosa?
©: Mi sono sparecchiato il magazzino. Per tutto il tempo ho buttato via le cose e finalmente ho finito gli stracci.
Par.: Le dispiacerebbe essere più chiaro.
©: Certo che no. Parlavo della stiva, no? Tutti in mare, quindi. Tutti i nanetti a mare, alla mia età si finisce lo ioduro. Uno si ritrova senza chupa chups e si arrangia come può. Io, da parte mia, ho smesso di scrivere perché ho cominciato a parlare da solo.
Par.: I suoi lettori saranno più soli, adesso che lei ha abbandonato la scrittura.
©: Non dica così, non dica scrittura. Nel mio caso si trattava di mania, battevo i tastini ticcheticche ma senza cattiveria. Il senso e il nonsenso te li trovi da te, nelle tasche, insieme agli scontrini dei bar. E tutte quelle monetine, chi si ricorda…
Par.: Lei ha davvero deciso di smettere di scrivere, una volta per tutte?
©: Non so. Ho incontrato il mio amico filippetto, l’altra sera. Mangiava la pizza e mi ha detto che sono stecchito, con i pezzi di mozzarella sulla maglietta. Mi ha detto che ho cervello come un hangar dopo che sono uscite le marmotte. Ci ho detto che ha ragione.
Par.: Lei quindi si considera finito, kaputt?
©: Ma certo. Uno finisce il chinotto, si fa la cacca addosso. Non è mica una colpa, no? Scrive e scrive e scrive e poi finisce il parlottio, è normale. Il cervello non è mica la piazza rossa, prima o dopo uno esaurisce i concetti e si mangia un burger king.
Par.: Forse deve soltanto riposarsi un po’. Alcune volte basta uno stacco, una piccola vacanza…
©: Le vacanze me le faccio di notte. Dovrei svegliarmi pieno di vita, con la voglia di fare dello sci estremo. Invece mi pare di essere un gabbiano pieno di petrolio, quelli che lavano con la pompa di acido solforico. Una di quelle orche che lasciano libere dopo anni di vasca riscaldata e kebab, musica disco e flash arcobaleno. E’ logico che un vecchio come me finisca nel cratere.
Par.: Ma la sua verve mi sembra ancora intatta, anche se non ho capito cosa dice.
©: Che lei capisca o non capisca non è importante. Lei è me e io sono lei, non è difficile da capire. Deve essere gentile se vuole continuare a vivere.
Par., arrabbiato: Io non le devo niente! Non capisco di cosa stia parlando, lei non ha nessun diritto di…
©: Restiamo in pochi, io, filippetto e qualcun altro. Se mi spacco la testa per tirare fuori qualcosa di nuovo è per questo. Io, filippetto e qualcun altro. Se suonano la carica cosa vuoi fare, vuoi restare in trincea?

Annunci