Conversazione al bar del paese, noto come “Pizzuti”

di limbranauta

– Ancuo ho chatato con Bepi Flagello, abiamo parlato delle suchette.
Non mi vengono bene sto ano ah, gnanca a lù dionà. Alè seco. Alè seco.
– Lè vera diocaro, e succhete gnente; anca el rosmarin, el mè morto, ziocò.
No se poe gnanca a darghe acua parché i te multe zioultra. Alè seco.
– Alè seco, zonato.
– Bepi Moschin me manda un Tuit ogni spriss che’l beve seto: Ancuo i xe già quindese, ziopoi.
– Leopoldo! Se’l tei mandava coi rossi el te blocava el hcempute, zioullo!
– Zio! Caro! So amico anca de Bepi Uganega, ca no posso a vedalo, rinato!
– Amì so amico de tuti, tuta gente mai vista.
– Ho poblemi anca coe segole, Zio Na.
– A chi ti ghio dixi. Tute magnae fora.
– Desso gheo scrivo a Bepi Fango.
– Anca mi.

Annunci