Milioni di aringhe

di limbranauta

Che ne so cosa mi ha preso.
Ho visto il bicchiere sulla tavola
e ho pensato che con la forza della mente
potevo spostarlo come niente.

Quelle idee balorde che ti vengono
quando hai bevuto qualcosa di troppo,
quando sei a tavola, nessuno ti vede
e sei il solo a sapere quanto sei allocco.

Ammazza, è venuto via tutto il resto.
Il resto del mondo è arrivato in cucina,
ho aspirato il deserto, mezza indocina.
Mi sono trovato in mezzo ai cammelli,

è arrivato anche Rocco e i suoi sette fratelli.
Tutto ho spostato, l’intero universo,
senza fare fatica. Per dire, ho dovuto schivare
due galassie e sei lassie,

ho dovuto far posto a quintali di alghe,
ho dovuto salvare milioni di aringhe…
ma quel vecchio bicchiere, quel vecchio…
è rimasto dov’era, niente da fare.

Annunci