Ciaveva ragione Platone

di limbranauta

Forze ciaveva ragione Platone
che nun voleva poeti pa nizzuna raggione
pecchè macari te fanno penzà
ennvece del laurà
te ritrovi co luocchi
mezzi muocchi, co la lagrima
cadente che non zevve a niente.

Co duo paruline micchio micchio
te mettono na pulce ne luricchio
e songo bravve davvera stindecenti
a fatte pentì del niente che hai fatto
a riciclatte er triccheballacche
che nun te pemmette de chiudeli ocche.
Pendete mpiccate, donnolate a campane,
poeti maiali, maiali maiali,
casvelliate anche i morti, ca sgridate
anche i teschi, ca storpiate le ali.

Annunci