Love Cargo Boat #pilot

di limbranauta

Vecchio: Ho parlato con lui, una volta.
Vecchia: Con il capitano?
Vecchio: Sì, non era del tutto ubriaco, si capiva ancora cosa diceva.
Vecchia: E cosa diceva?
Vecchio: Mi ha detto che era stufo, stufo marcio. “Ho portato in giro per il mare ogni specie di nave – mi ha detto – Navi grandi, piccole, nuove, vecchie…”
Vecchia: Era un grande depresso, da come imiti il suo modo di parlare.
Vecchio: Parleresti anche tu così, dopo quindici cuba libre. “Nessuna speranza –proprio così ha detto il capitano, lo ricordo come fosse adesso- Nessuna speranza in questa barca”
Vecchia: Barca? Ma se è un transatlantico…
Vecchio: Tutti i capitani chiamano la loro nave “barca”. “Giriamo attorno e un po’ alla volta la barca si svuota. –questo ha detto il capitano- E quando sarà vuota? Cosa succederà alla mia barca quando tutti i vecchi avranno tirato le cuoia?”
Vecchia: Era preoccupato del suo futuro, aveva paura di perdere il lavoro.
Vecchio: Non si trattava di questo. “Merce avariata –ha detto il capitano- Una nave intera piena di roba marcia, di roba da buttare.”
Vecchia: Non è un modo carino di parlare dei passeggeri.
Vecchio: Trovi che fosse in torto? Ti senti forse qualcosa di diverso?
Vecchia: Non mi sento proprio niente. Il più marcio era lui.
Vecchio: “L’unica barca al mondo che invece di riempirsi si vuota –ha detto il capitano- Ed è toccata proprio a me” Questo ha detto il capitano allora io ho detto che era stato lui a scegliere di comandare la nave dei vecchi. Lui mi ha risposto che credeva fosse un lavoro di tutto riposo poi ha aggiunto “Ma non si può stare a guardare tutto questo sfacelo. Uno non regge. Avessi anch’io cent’anni, forse potrei resistere, ma non così. Non così.” Poi i è messo a piangere e ha ordinato al barman qualcosa di forte.
Vecchia: Mi chiedo cosa potesse intendere uno come lui con “qualcosa di forte”.
Vecchio: Il barman gli ha fatto un cocktail a base di trielina, credo. Lui lo ha buttato giù in un colpo poi ha fatto un urlo. Poi ha detto: “Parliamo d’altro, la prego” ed è caduto giù dallo sgabello sbattendo con la fronte sulla barra di ottone del bar. Steso per terra ha detto “Questo barman è tutto da sposare”, o qualcosa di simile.

 

Annunci