Eh, ah, oh

di limbranauta

Eh, le galline, sapessi.
Frugano e raspano
e con il becco
rivoltano i sassi.
Le ali son corte
corricchiano in giro
con le gambe storte.
Ah, le rondini, guardale.
Puoi seguirle per ore
mentre volano svelte.
Per invidia si inseguono,
si rincorrono, gridano.
Oh, il falco, in alto.
Puoi pensare di lui
tutto quello che vuoi
perché è troppo lontano,
perché è un punto nel cielo,
perché il sole cocente
ti divaga la mente
e la luce accecante
ti fa piangere gli occhi
mentre elabori lento
una serie balorda
di pensieri sciocchi.

Annunci